Ascolta e Godi

Un degno continuo per la nostra sezione dedicata ai Racconti Erotici.
Non potevamo non aggiungere altre numerazioni e offrirvi la possibilità di continuare con il nostro servizio di ascolta e godi grazie al quale ascoltare i nostri racconti erotici. Come nella precedente pagina ti spieghiamo come funziona:

Abbiamo messo a vostra disposizione una serie di racconti erotici registrati con un costo ovviamente ridotto rispetto alla telefonata.

Racconti Erotici

Telefonate Erotiche registrate

Più che storie sono veri racconti erotici ascoltabili in una telefonata.
Decisamente una valida alternativa alla nostra Linea Erotica. Perché con ascolta e godi ti basterà scegliere la categoria giusta per te e iniziare la tua esperienza. La voce di una ragazza o ragazzo – a seconda della categoria – ti racconterà una perversione frutto di fatti reali e fantasie.

Seconda Selezione di Ascolta e Godi al telefono.

Ti proponiamo subito un numero ascolta e godi e ti spieghiamo più concretamente come funziona! Il principale per questa sezione ma non l’unico nel suo genere.

Una volta effettuato questo numero una ragazza di introdurrà in una vera e propria selezione di Storie sull’erotico . Offrendoti la possibilità di scegliere, attraverso una selezione numerica i racconti erotici più entusiasmanti per te. Potrai comodamente metterti in cuffia e ascoltare tutta la storia godendoti il momento. Per farti capire meglio come funziona l’introduzione ti alleghiamo l’audio in modo da darti un idea della storia che vorrai ascoltare e di cosa accadrà una volta fatto il numero.

Se non puoi ascoltare l’audio te lo introduciamo noi.

Una voce ti avvertirà che il servizio è vietato ai minorenni e che se non hai abbastanza fegato per sentire la perversione pura allora dovrai attaccare. Poi inizierà un elenco di racconti erotici pronti da ascoltare.

Cosa trovo una volta fatto il numero per l’ascolto?

  • Premendo 1 troverai un racconto erotico dedicato ad una storia con una donna vogliosa di essere presa con violenza.
  • Premendo 2 troverai un racconto erotico dedicato ad una storia di una donna con un desiderio cosi incontrollabile da concedersi ad un perfetto sconosciuto.
  • Premendo 3 troverai un racconto erotico dedicato ad una storia di fantasie erotiche casalinghe
  • Premendo 4 troverai un racconto erotico dedicato ad una storia di due ragazze alla presa con gli ormoni. (Lesbo)
  • Premendo 5 troverai un racconto erotico dedicato ad una storia di fantasie erotiche svolte in casa.
  • Premendo 6 troverai un racconto erotico dedicato ad una storia di due amiche in un club privé
  • Premendo 7 troverai un racconto erotico dedicato ad una storia dedicato a due sorelle con un cugino molto interessante
  • Premendo 8 troverai un racconto erotico dedicato alle fantasie di una donna che non riesce a smettere di pensare ad un suo amico.
  • Premendo 9 troverai un racconto erotico di una situazione molto piccante svolto in una scuola

Informazioni utili per le storie erotiche al telefono

Devo avere necessariamente una carta di credito per chiamare?

No. Se non avessi modo di telefonare con una carta di credito puoi chiamare direttamente dal fisso o dal cellulare facendo affidamento sul credito residuo del tuo cellulare o a quello che ti verrà addebitato comodamente in bolletta. La presente numerazione è direzionata allo stesso gruppo di racconti appena elencato ed è utilizzabile da qualunque dispositivo telefonico senza necessità di avere una carta di credito per pre-caricare il credito.

Avete a disposizione altri gruppi di racconti erotici?

Certamente abbiamo a disposizione ulteriori pagine di racconti erotici che mirano ad offrirvi la possibilità di ascoltare storie e racconti erotici da parte di ogni genere e voce. Ti basterà seguire l’elenco qui di seguito per accedere ad altre numerazioni dedicate e ascoltare il preaudio che ti permetterà di risparmiare tempo!

Ascolta e godi - Racconti erotici - linea erotica - telefonate erotiche - racconti erotici
Ascolta e godi – Racconti erotici – linea erotica – telefonate erotiche – racconti erotici

Ricordati sempre di seguirci sui nostri social : Virgilio, Facebook, Instagram e Twitter

Siamo presenti anche su Porn Hub ed Eporner


Racconto erotico: La nostra prima volta nel club degli scambisti

Io e Marika siamo sempre stati molto curiosi e abbiamo provato tutto il possibile. Finora i nostri esperimenti si sono svolti solo nella camera da letto di casa. Lacca, lattice, giochi di ruolo, bondage. Ci siamo sempre divertiti molto. Un giorno mi ha sorpreso con l’idea di andare in un club di scambisti. Non ne sono stato subito convinto, in fondo possiamo anche semplicemente guardare… o fare del sesso tra di noi e gli altri potrebbero guardare.

Abbiamo deciso di provarci, così abbiamo cercato qualche annuncio online e una volta trovato un contatto ci siamo informati richiedendo maggiori informazioni. Ci ha risposto una certa Sofia che ci ha spiegato che il gruppo era formato da coppie che si incontravano casualmente ogni poche settimane e provavano tutti i tipi di giochi.

Ci sarebbe piaciuto dargli un’occhiata, ma Sofia ha detto che o c’eravamo oppure no. Gli spettatori puri non sono i benvenuti e se partecipiamo poi non si può tornare indietro, neanche se i giochi che organizzano superano le nostre aspettative.

Io e Marika ci siamo guardati e abbiamo accettato: ce l’avremmo fatta. La sera dell’appuntamento ci siamo messi alla guida e siamo arrivati in una fattoria fuori città.

Parcheggiamo e scendiamo. Uscendo da una dependance, una giovane donna ci chiama per nome. “Da questa parte, per favore!”. Sofia ci accoglie calorosamente in un’anticamera dove ci ha fatto firmare una dichiarazione: ci impegniamo a partecipare ai giochi e non possiamo rifiutare nulla. Sorrido e non prendo la cosa completamente sul serio. Veniamo condotti in una stanza dove ci possiamo cambiare.

Ascolta e godi - Racconti erotici - linea erotica - telefonate erotiche - racconti erotici

Indosso il mio body nero lucido e Marika avvolge il suo corpo formoso in un miniabito estremamente corto. Avrei potuto saltarle addosso in questo momento, ma siamo stati invitati nella sala. In una stanza leggermente buia e arredata con gusto, si siedono le altre nove coppie, che chiacchierano e sorseggiano i loro drink. Poi Sofia entra in un piccolo palco con sopra un letto. Un grande specchio posto in diagonale in alto ci mostrerà dall’alto ciò che sta per accadere.

Accanto c’è una grande ruota della fortuna. Sofia dà il benvenuto ai presenti: “Oggi qui ci sono alcune nuove coppie, quindi spiego loro nuovamente le regole del gioco: qui nella scatola ho i nomi dei presenti su carte che si pescano a faccia in giù. Viene quindi fatta girare la ruota della fortuna, che decide a quale gioco può giocare la persona estratta. Se per un gioco sono necessari più partecipanti, anche questi verranno determinati in modo casuale. Ricordatevi, signore e signori, che non avete la possibilità di rifiutare!” Si avvicina alla scatola di vetro e sorteggia la prima persona.

“Bianca!” La giovane donna si alza e viene colta sotto i riflettori. Sale sul palco, indossa un corsetto bianco e giocoso con bretelle e tacchi altissimi . Le sue tette e la figa rasata sono in bella vista. La folla applaude cautamente. Ora Sofia gira la ruota della fortuna. Dopo che si ferma, legge: “Masturbazione con i falli”. Bianca si siede sul letto e Sofia le porge un vibratore bianco e uno rosa.

Guarda Sofia con aria interrogativa. «Sì, è vero, tesoro. Entrambi. Allora Bianca si sdraia e allarga le gambe imbarazzata. Per prima cosa prende il vibratore più piccolo e se lo inserisce con cautela nel culo. Esita e contorce il busto. “La nostra piccola Bianca ha bisogno di aiuto!” Proprio al momento giusto, appare la cameriera che ci ha salutato e si inginocchia tra le gambe aperte di Bianca. Lentamente ma con fermezza spinge il vibratore fino in fondo nel suo culo.

Bianca respira affannosamente. Sembra eccitarla. Poi prende il secondo dildo e se lo infila nella figa. Nella stanza nessuno parla. Si sente solo il respiro di Bianca e il ronzio sommesso dei vibratori. Con l’altra mano inizia a stimolare il clitoride e muove il bacino su e giù. Muove dentro e fuori il secondo dildo e sembra che stia per raggiungere l’orgasmo.

Questo mi fa davvero eccitare, ma ho paura che Marika diventi gelosa e io rimango calmo. La guardo furtivamente e non riesco a credere ai miei occhi. Marika è estremamente eccitata e si tocca la figa. Vedendo il mio sguardo sorpreso mi mette a mio agio prendendomi il cazzo in mano.

Dopo Bianca viene estratto il nome successivo: “Robert!”. Un gentiluomo atletico sui quarantacinque anni si alza e sale sul palco tra gli applausi. La ruota della fortuna dice: spogliarello. Beh, questo non mi eccita davvero. Ma a Marika piace e raggiunge l’orgasmo mentre Robert si spoglia nudo davanti a noi in uno spettacolo perfetto.

Mentre poi lascia il palco ed è seguito da diversi sguardi commoventi di donne, viene chiamato il nome successivo. “Anna!” Sembra essere la moglie di Robert che sale sul palco vestita con una vestaglia nera e trasparente. Sofia gira la ruota della fortuna. “Soddisfare una donna oralmente. “ In questo momento mi chiedo, e se un uomo avesse avuto il suo turno ai giochi con i vibratori? La Ruota della Fortuna non sembra preoccuparsi del genere. “Ora sceglierò una seconda persona – una signora – che possa lasciarsi coccolare da Rebecca.

Ascolta e godi - Racconti erotici - linea erotica - telefonate erotiche - racconti erotici

“Sofia fruga nella scatola. “Marika!” Vedo quanto è emozionata mentre si guarda intorno e si rende conto che è lei. Anche lei si alza e va sul palco, si siede sul letto e come le è stato ordinato allarga le gambe in modo che i riflettori illuminino la sua figa rasata.

Poi Anna si inginocchia e affonda la testa tra le sue gambe. Marika sobbalza quando la signora inizia, allo specchio possiamo vedere cosa le stà facendo e non sembra essere la prima figa che lecca. Riscalda abilmente la mia Marika, che subito si scalda di nuovo e respira affannosamente.

Anna se la prende con calma, lascia che Marika si avvicini all’orgasmo e poi indietreggia un po’. Poi si infila un dito nella figa e continua a leccare il clitoride. Marika ha bisogno solo di qualche minuto per venire. Mi rendo conto solo ora che mi sto masturbando il cazzo tutto il tempo e che sto per venire. Mi fermo.

Non voglio attirare l’attenzione guardando le altre coppie ma non resisto. Alcuni stanno a guardare, ma altri stanno già scopando. Un uomo ha la moglie in grembo, che sta cavalcando all’impazzata. Un altro ragazzo si fa succhiare il cazzo dalla moglie. Anna e Marika salutano il palco con un bacio a destra e a sinistra. “Oh, era così… così…” Mi guarda con aria colpevole. Finora ero l’unico a cui era permesso leccarle la figa o addirittura vederla.

“Tutto ok, tesoro! Eri davvero sexy!” Le dico per allentare la tensione. Sofia intanto ha estratto il nome successivo: “Ancora Marika!” Marika si rialza e torna sul palco. La ruota della fortuna dice: bambola di gomma. Cosa dovrei immaginare adesso? “Mentre la nostra Marika si cambia, faremo una breve pausa“ e viene condotta in una stanza laterale dalla cameriera. La luce diventa un po’ più intensa. Alcuni ospiti vanno al bancone e prendono da bere.

Decido di bere una birra. Sofia sceglie tre uomini dal palco. Dopo una decina di minuti ritorna Marika. Ora indossa un body in lattice trasparente color pelle. Ha delle aperture per le tette ed è completamente aperto sulla figa. Indossa anche un cappuccio di gomma con una faccia dipinta come una bambola del sesso e una bocca spalancata. I suoi capelli venivano tirati attraverso un’apertura dietro la testa in modo che cadessero come una treccia.

Vede i tre uomini sul palco ed esita, ma la cameriera con cautela la spinge oltre. So che una volta ha parlato di fare sesso con due uomini, ma tre? I tre uomini la accolgono, le accarezzano il corpo, giocano con i suoi capezzoli e le afferrano l’inguine. Lei mi guarda. Sembra imbarazzata. Dopotutto, mi sta tradendo proprio davanti ai miei occhi. Ma le faccio un cenno.

Eravamo preparati alla possibilità di fare sesso con altre persone. Uno degli uomini si sdraia sul letto e Marika si inginocchia sopra di lui. Lui le infila il cazzo nella figa senza esitazione e comincia subito a scoparla. Pochi minuti dopo il successivo si inginocchia davanti a lei, le prende la testa per la treccia e la spinge verso il suo cazzo. Non ha nulla contro un pompino . Al contrario: è dannatamente brava! Lei cade in avanti ed il cazzo dell’uomo le scompare in bocca.

Un attimo dopo il terzo uomo si inginocchia dietro di lei e cerca con il suo cazzo la porta sul retro. La trova e la spinge nel profondo. Non abbiamo ancora molta esperienza con il sesso anale. Marika fa uno scatto in avanti, il che ha l’effetto di portare il cazzo in bocca ancora più in profondità. Lei sussulta di nuovo.

Tutto questo sembra quasi troppo per Marika, ma non si tira indietro e quando si rende conto che non riesce ad imporsi con il suo ritmo, resta ferma e lascia che siano gli uomini a prendere il comando dei movimenti. Il ragazzo sotto di lei finisce per primo. Pochi secondi dopo, il secondo uomo si piega in due e le viene nel culo. Mi sembra che anche lei stia avendo un orgasmo. Sembrava che le piace la doppia scopata nella parte posteriore.

Poi il terzo uomo tira un po’ indietro la testa prendendola per il codino e mostra al pubblico come le viene nella bocca aperta. Ci sono forti applausi e lei cade esausta sul letto. Poi la cameriera la fa alzare con cautela e la sostiene mentre torna nella stanza accanto con le gambe tremanti. Ma le cose stanno andando avanti. Mentre Sofia sorteggia il nome successivo, dice: “Sarebbe interessante se il prossimo fosse di nuovo un uomo… Anzi: Manuel!” Ora tocca a me.

All’improvviso ho paura del palcoscenico e mi alzo. Guardo il pubblico mentre cammino verso il palco. Tutti sembrano molto emozionati. La Ruota della Fortuna dice: Domestica. Non riesco a immaginare di cosa si possa trattare. La cameriera mi conduce nella stanza accanto, un guardaroba: armadi, un grande specchio, una piccola toeletta e una doccia nella quale Marika sta attualmente facendo la doccia. La cameriera mi ordina di spogliarmi. “Cosa devo fare adesso?” Voglio sapere.

“Vedrai presto…” Ok, cameriera. Dovrei vestirmi da donna. Non è qualcosa che mi eccita davvero. Quando sono nudo, la cameriera mi mette un reggicalze e mi fa indossare delle calze nere, che aggancia alle reggicalze. Poi devo indossare un vestito da cameriera. Nero, maniche corte a sbuffo, taglio ampio, grembiule bianco e piuttosto corto. Uh… davvero molto corto! “Penso che il vestito sia troppo piccolo per me.

Dico alla cameriera. “No, no. Va bene.“ Il vestito non copre adeguatamente il mio cazzo o il mio culo. Mi guardo allo specchio. “Assolutamente trans!” penso tra me e non posso fare a meno di sorridere. “Onestamente non è possibile!” dico alla cameriera. “Non puoi rifiutare. La ruota della fortuna ha deciso!”.

Poi devo indossare scarpe col tacco alto e una volta seduto davanti alla toeletta la cameriera mi mette un rossetto rosso vivo. Alla fine mi faccio mettere una parrucca e un berretto bianco. Nel momento in cui la cameriera mi mette davanti allo specchio, Marika esce dalla doccia vestita come prima. Lei mi guarda e sorride. “Molto sexy, Manuel! Dovresti metterlo più spesso…” “Ahah…” Marika esce e io mi guardo di nuovo allo specchio.

La parte della gonna del vestito è abbastanza alta e finisce appena sopra il mio cazzo. “Il pubblico sta aspettando!” Esco e vengo accolto da un applauso. Riesco a malapena a camminare con queste scarpe e sento questa e quella risata leggermente repressa. Grande! Tutti fanno sesso bollente e qui mi fanno diventare un idiota. Sofia mi accoglie sul palco e poi vedo i due uomini in piedi davanti al letto.

Sospetto quali servizi ci si aspetteranno da me “Uh, no! Assolutamente no!” Rivolgendosi al pubblico, Sofia dice: “La nostra bella cameriera ha bisogno di aiuto per ridurre le sue inibizioni. Dal retro, nella parte più buia della sala, arriva un uomo grosso, completamente ricoperto di gomma e con indosso una maschera antigas. Prima ancora che mi renda conto di quale potrebbe essere il suo lavoro, mi afferra e mi tiene le braccia dietro la schiena.

Ora la cameriera arriva con un cinturino in pelle a cui è attaccato un anello di metallo al centro. Mi mette abilmente l’anello in bocca e collega le cinghie dietro la mia testa. Ora l’uomo di gomma mi spinge in avanti e la cameriera mi attacca le braccia alla base delle gambe, leggermente divaricate. Cerco di liberarmi, ma è inutile. Sono indifeso, in balia di ciò che mi sta accadendo.

Uno degli uomini che sta di fronte a me si apre la cerniera dei pantaloni e tira fuori il cazzo. Proprio davanti al mio naso inizia a segarlo alla grande. NO! NO! Non posso assolutamente… Strofina il suo membro ora eretto contro le mie labbra. Mentre provo a voltarmi, mi afferra la testa – una mano sotto il mento, l’altra dietro la testa – e spinge lentamente il suo cazzo nella mia bocca aperta a forza.

Sento il suo pene caldo e grosso sulla mia lingua e diventa un po’ più grande. Lo muove avanti e indietro in modo uniforme. Allo stesso tempo sento qualcosa di freddo sul sedere. NO! Non stanno andando…? È lubrificante e un attimo dopo sento la punta dell’altro cazzo contro il mio buco del culo. “Non agitarti altrimenti ti fa male!” mi sussurra la cameriera. Fa male e cerco di rilassarmi un po’.

L’uomo dietro di me ne approfitta e spinge il suo cazzo fino in fondo. Gemo. Provo a staccarmi di nuovo, ma mi hanno legato molto stretto. Mentre i due ragazzi mi scopano, il mio sguardo scivola sul pubblico. Sembra che tutti si godano il mio tormento. La maggior parte inizia a darsi piacere e alcuni si ritrovano e scopano. Poi vedo Marika. Sembra anche lei estremamente eccitata da quello che mi sta succedendo perché si sta toccando di nuovo.

Il cazzo nel mio culo diventa sempre più grande e sento che sta per squarciarmi. Poi all’improvviso sento una mano sul mio cazzo, la cameriera mi stà masturbando. Anche se mi violentano, bisogna dirlo, mi eccito e anche il mio cazzo sta diventando più grande. Poi l’uomo di dentro sembra venire e preme il suo pene profondamente dentro di me. Non riesco nemmeno a urlare con l’altro cazzo in bocca, che ormai è cresciuto molto di dimensioni.

Assaggio qualcosa di leggermente salato. La cameriera si inginocchia sotto di me e prende il mio cazzo in bocca. Lei succhia forte e solletica la punta con la lingua. E poi l’uomo davanti arriva e inietta il suo sperma nella mia bocca aperta e indifesa. Ma continua a non smettere di spingere. Tutta la mia bocca è piena del suo cazzo e del suo sperma. È viscido, caldo e salato. Ed è disgustoso.

E sono costretto a mandarlo giù perché non ha ancora finito. Non ho nemmeno notato l’uomo dietro che mi tirava fuori il cazzo. Sono sollevato anche quello davanti finalmente è uscito dalla mia bocca, dopo avermi fatto ingoiare tutto. Solo la cameriera mi succhia ancora avidamente, riesce ad eccitarmi al massimo e mi succhia lo sperma dal cazzo quando vengo.

La gente applaude. Qui mi stanno violentando e il pubblico applaude! Ma ora che è finita, non sembra più così male, a parte il retrogusto salato. Marika lo ingoia sempre e mi chiedo se possa trovarlo disgustoso. L’anello mi viene tolto dalla bocca e le cinghie sciolte. La cameriera e l’uomo di gomma mi fanno alzare e mi riportano nella stanza accanto.

“Va tutto bene?” mi chiede la cameriera. La guardo. “Non proprio…” “Prima fatti una doccia e poi torna dentro. È una stupida coincidenza: è la tua prima volta qui e hai vissuto qualcosa di così intenso. Ma: decide la ruota della fortuna!” Entro nella doccia e lei esce dalla stanza. Poco dopo ho finito e mi sono rivestito. Quando esco, lo spettacolo sembra finito ma è iniziata un’orgia dove tutti partecipano.

Dov’è Marika? Si siede e si masturba ancora, non partecipa al trambusto generale e io vado da lei. Poi mi vede. “Dai, adesso finalmente vieni a scoparmi!” Si sporge in avanti e mi dice: “Guarda cosa ho rubato di nascosto…” Spinge il bacino in avanti e vedo il vibratore incastrato nel suo culo. Sorrido e mi inginocchio davanti a lei.

Di nuovo estremamente eccitato, ho infilato il mio cazzo eretto nella sua figa. Le piace davvero e riusciamo a venire insieme. A fine serata ci siamo ripartiti per tornare casa. La cameriera ci accompagna fuori e dice: “Spero che ti sia divertito stasera. Ti chiameremo quando sarà programmato il prossimo evento.“ Non so se lo rifarò. Mentre stiamo tornando a casa, Marika dice: “È stato davvero bello, Manuel! Devi assolutamente indossarlo a casa!” “Pensavi che fosse bello?!?” “Sì, mi eccitava particolarmente la tua impotenza… e tu in abiti femminili! Ti sta davvero bene!” Non capisco più il mondo.