La Sado-cameriera

Tutto accadde quando una telefonata mi impedì di prendere parte alla gita in barca con mio cugino.

Al momento di imbarcarmi squillò il cellulare era l’ufficio che mi richiedeva alcuni dati importanti per la fatturazione. I dati erano conservati sul mio pc che avevo lasciato in casa.

Dovetti a malincuore abbandonare mia moglie mio cugino e sua moglie e avviarmi verso casa per inviare i dati richiesti.
Vai tranquillo tanto a casa c’è Anita se ti serve qualcosa lei è a tua disposizione – mi disse mio cugino.

Anita era la golf di tedesca che da anni lavora presso di loro, non se ne separano mai.

Anita, una donna di 52 anni, un metro e novanta, circa 110 kg, un fisico imponente frutto del suo passato fatto sicuramente di assunzione ormonali di cui le nuotatrici professioniste tedesche ne facevano largo uso.
Quando arrivai a casa stavo per suonare ma mi accorsi che la porta era socchiusa, entrai dirigendomi verso la mia camera, quando sentii dei mugolii provenire dalla camera di Anita, incuriosito mi avvicinai con circospezione alla sua camera, i mugolii erano più distinti, stava sicuramente scopando con qualcuno.
– Hai capito la tedesca, con la casa libera si sollazza – pensai

Ma chi poteva essere il mal capitato?

Chi la detto che la curiosità è femmina, la porta non era chiusa, la spinsi leggermente per nel tentativo di riuscire a sbirciare .
Quello che vidi mi lasciò di stucco, Anita sdraiata sul suo letto, completamente nuda si stava masturbando con un fallo di notevoli dimensioni.
Rimasi per qualche secondo a guardare la tedesca che si infilava con maestria il fallo nella sua figona, confesso che ebbi una notevole erezione.
Nel tentativo di ammirare quella performance toccai la porta la quale cigolò, Anita si bloccò immediatamente, io in preda al panico mi avviai rapidamente verso l’uscita.
Dopo qualche minuto facendo finta di nulla suonai il campanello, qualche secondo, Anita aprì la porta- Ciao Anita, scusa ma devo rientrare- dissi evitando di guardarla in viso, avviandomi rapidamente verso la mia camera.

linea-sesso


Anita mi seguì con lo sguardo i suoi occhi di ghiaccio avrebbe perforato un portone blindato.
Mi chiusi in camera e lavorai per tutta la giornata con il pc e telefono. Mi sentivo in imbarazzo nei confronti di Anita, l’avevo spiata mente si masturbava, ero al corrente del suo segreto, e Lei lo aveva capito.
Verso mezzogiorno Anita bussò alla mia porta, – Avanti- dissi
-Volevo sapere se i signori rientrano per pranzo – chiese Anita
-Non credo, la barca rientrerà versò le venti- le dissi senza staccare gli occhi dal pc
– Quindi a pranzo siamo solo io e Lei.
– Gradisce qualcosa di particolare o vuole che me ne occupi io?- chiese Anita
-Fai tu mi fido- risposi
-Bene, nel frattempo gradisce un aperitivo-
-Grazie lo prendo volentieri-
Scomparve silenziosamente, dopo venti minuti la porta si riaprì, Anita si avviò verso il terrazzo della camera, poggiò il vassoio sul tavolino, con pochi ma sapienti gesti preparò l’aperitivo.
Uscii in terrazza, mi sedetti ammirando il mare, Sorseggiai il ”negroni ” era favoloso.

-Posso tenerle compagnia- mi chiese.

-Figurati è un piacere-le risposi.
Parlammo una mezzora del più e del meno, Anita sembrava rilassata, forse non si era accorta che l’avevo spiata.
Ebbi modo di osservarla con più attenzione, il suo seno poderoso, almeno una settima, era a mala pena contenuto dalla dalla t scirt, le braccia e le cosce muscolose, quel fisico imponente mi faceva sentire in soggezione.
Mi chiese se volevo mangiare in terrazza, ovviamente acconsentii, Anita si alzò mi riempì di nuovo il bicchiere di ”negroni” e si avviò in cucina
Tornò sulla terrazza con una splendida portata di spaghetti alle vongole veraci, che mangiai con somma deliziosa.

Anita non mangiava mi teneva compagnia, si preoccupava di tanto in tanto di riempirmi il bicchiere di vino.
erminati gli spaghetti ero sazio ed anche un pò brillo, quella dannata tedesca non aveva fatto altro che riempirmi il bicchiere di vino, mi alzai dal tavolo e le comunicai che mi andavo a stendere sul letto per qualche minuto. -Bene – disse Lei- A rimettere a posto tutto ci penso io-
Per un attimo incrociai il suo sguardo, un brivido attraversò la mia schiena, ebbi la sensazione di essere la preda che stà per essere sbranata da un animale feroce.
Mi gettai sul letto, il vino ed il caldo ebbero facilmente la meglio e mi addormentai.
Non so quanto tempo dormii, ma quando mi risvegliai ero ancora sul letto, ma avevo i polsi legati da due solide manette.
Mi guardai intorno in cerca di una risposta, -come cazzo ero finito così-
La porta della camera si spalancò, Anita comparve, vestita con una ghepiere di pelle nera che ne esaltavano ancora di più la sua imponente figura, stivali neri, in mezzo alle gambe troneggiava il fallo di almeno 25cm legato con le cinghie, con cui la mattina si stava masturbando.Con la con la bocca aperta guardavo Anita avvicinarsi lentamente verso di me.

-Ora sporco guardone di farò pentire di avermi spiato- Il suo tono era duro.Si stava apprestando a consumare la sua vendetta.

Cercai di tirami su dal letto ma Anita mi era già addosso, mi diede un ceffone che quasi mi stordì, approfittando del mio stato, mi prese per i capelli e mi trascinò in tutta la stanza, per poi risbattermi sul letto a pancia sotto.
Ma che cazzo vuoi fare, sei pazza, ti farò licenziare brutta cagna-urlai.

Per tutta risposta Anita mi colpì con un un’altro ceffone, poi mi venne sopra, incrociando le sue gambe con le mie in modo che non potessi chiuderle, le sue mani afferrarono saldamente i miei fianchi .
-Ora sei mio bel frocetto, ti spaccherò il culo, ti farò urlare come una gatta in calore-
Il suo cazzo iniziò a cercare il mio buco, io le urlavo di smettere, mi dimenavo come un forsennato nel tentativo di liberarmi dalla sua morsa. Anita non mollava la sua presa, anzi godeva nel vedere vani i miei sforzi.

Mi incitava a ribellarmi, si divertiva a sentirmi implorare.-Dai salta bella cavallina che tanto ti domo sarai la mia puttanella-.
Per almeno 5 minuti continuai a dimenarmi con tutte le mie forze, ma inutilmente, non riuscivo a disarcionarla, troppa era la differenza di peso, Anita era sempre sopra di me, controllava i miei movimenti e contemporaneamente cercava di infilarmi il suo coso nel mio culo.
Ero stremato, ansimavo, mi mancava il fiato, Anita avvertì immediatamente la mia debolezza, né approfittò indirizzando la cappella del suo cazzo nel mio orifizio.
Fu un attimo, un potente colpo di reni di Anita fece entrare il suo fallo nel mio culo, emisi un urlo disumano, tentai di muovermi per liberarmi di quel palo che stava sverginandomi.
nita mi teneva stretto impedendomi altri movimenti, lentamente ma inesorabilmente, proseguì la sua devastante azione – Stai buono, ormai ti ho preso, ora ti farai inculare come un frocetto..-

Il dolore era lancinante, continuavo a supplicarla di smettere, ma alle mie suppliche Anita rispondeva con ulteriori colpi di reni facevano penetrate ancora di più il suo fallo all’interno del mio culo. Improvvisamente si fermò per qualche secondo, come per riprendere fiato e dare a me la possibilità di abituarmi al dolore. La tregua finì la sue mani strinsero con più forza i miei fianchi, un poderoso colpo di reni face penetrare il suo fallo completamente nel mio culo.
Quasi svenni per il dolore, urlai per il dolore, ma Anita imperterrita inizio a montarmi selvaggiamente, improvvisamente il dolore scomparve e inaspettatamente iniziai a mugolare di piacere.
-Brutta troia ti piace, allora non strilli più- disse Anita, e senza far uscire il cazzo dal mio culo mi fece mettere alla pecorina continuando ad incularmi.

La sua mano afferrò il mio cazzo che ebbe una reazione apisissima diventando eretto come non mai, Inizio così una doppia azione, mentre mi inculava con la sua mano destra mi masturbava. La sua azione diventò frenetica -Fammi godere troia ti vengo nel culo frocio – diceva, io ero eccitato come non mai le sborrai non so quanto del mio liquido nella sua mano, contemporaneamente anche Lei venne. Rimase ancora qualche secondo dentro di me, si alzò dal letto trascinandomi sul terrazzo mi fece stendere a terra, Anita in piedi mi osservò per qualche secondo, divaricò le gambe, potevo vedere la sua enorme figona, Iniziò ad orinarmi a dosso. Terminata la sua pisciata disse

-Mi hai fatto godere, sei stata brava, da oggi sari la mia schiava, farai sempre quello che ti dirò di fare- così dicendo mi mostrò una telecamera dove aveva ripreso tutto quanto era accaduto.

Da quel giorno sono diventato il suo giocattolo sessuale … ma questa è un’altra storia

autore: Esse



JokyH24

2 pensieri su “La Sado-cameriera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto