Lavorare in una Linea Erotica

Mi chiamo Francesca, ho 32 anni, sono di Roma e lavoro per Linea Erotica. Questa, in particolare, da 2 anni. Ho iniziato che ne avevo 22 mentre facevo l’università e con il passare del tempo e degli eventi è divenuta la mia principale fonte di reddito. Ho provato più volte ad avere una relazione e continuare in questa attività senza mai avere però il successo sperato. Chiunque mi affiancasse continuava a non comprendere che il mio piacere nello svolgere questo lavoro era ormai radicato in me e che mai sarei riuscita ad abbandonarlo.

Il piacere che il mio egocentrismo riesce a darmi ogni volta che ascolto un uomo godere al telefono erotico è impagabile e sono sempre più entusiasta delle storie e delle fantasie che sento narrarmi al telefono. La mia testa riesce oggettivamente a proiettarsi nella fantasia che mi viene proposta ed assecondarla mi viene spontaneo e naturale.

Linea Erotica

Quando il nostro webmaster ci ha detto della sezione erotica ho deciso che avrei partecipato attivamente e che avrei pubblicato un po’ di storie e non perché volessi inventare qualcosa, sarebbe troppo complicato. Ma perché l’idea che qualche sporcaccione avuto sulla Linea Erotica potesse sapere quanto io abbia goduto a stare al telefono con lui mi eccitava di più del vissuto stesso. Allora ho deciso che avrei scritto

La mia prima esperienza in un Telefono Erotico

Come vi ho anticipato poco fa ero all’università. Studiavo giurisprudenza ed ero al secondo anno. Dopo un’assurda litigata con mio padre capii che dovevo trovarmi una fonte di reddito autonoma cercando su porta portese, una rivista romana per le offerte di lavoro mi capitò l’annuncio di lavoro:

Cercasi ragazza disponibile per telefonate erotiche. Possibilmente con una bella voce e seria. Orari flessibili, sede di lavoro zona Piazza Bologna.

Riporto quello che ricordo dell’annuncio

Rispecchiava tutte le mie caratteristiche e possibilità visto che era dietro l’università. Forse più per curiosità che altro chiamai il numero fisso posto in calce all’annuncio. Sorpresa dal fatto che mi aveva risposto una donna cominciammo a parlare e in men che non si dica finimmo a parlare dei guagagni, molto più grandi rispetto a quelli di oggi. Entusiasta decisi di cominciare e mi recai in un uffcio a piazza bologna. Entrando trovai altre 4 ragazze una delle quali una mia compagna d’università con la quale sono rimasta amica a tutt’oggi nonostante lei abbia preso una strada diversa.

Ho assistito tutto il pomeriggio alle telefonate, per imparare. Arrivata a sera tornai a casa e non ne feci parola ma dentro di me ero certa che avrei voluto cominciare subito il giorno seguente. Finii frettolosamente i corsi e una volta soddisfatte le aspettative dell’università corsi allo studio. Mi fu passata la prima telefonata e lo ricordo come fosse il primo amore era un ragazzo, di roma di 27 anni. Non saprò mai se quel nome, quell’età e le sue caratteristiche erano vere ma rimasi impressa dalla sua fantasia. Forse per l’inesperienza. Però mi piaque.

Iniziamo dopo qualche minuto a flirtare e in men che non si dica lo sentivo solo ansimare alla cornetta. Gli raccontavo come mi stavo toccando e anche se mi sentivo a disagio e non potevo farlo non immaginate quanto la mia mente stesse viaggiando. E posso confermarvi il detto che non serve entrare nei vestiti di una donna ma basta entrarle in testa. Perché lui lo fece.

Mi sarebbe piaciuto davvero toccarlo, sentirlo mio e sopratutto scoparmelo su quella scrivania in quel momento. Continuava a darmi eccitazione e mi ero bagnata tutta. Quella Linea Erotica sarebbe stata il mio futuro. Oggi, vi prometto che almeno tre volte a settimana dedicherò un momento a questo sito per raccontarvi tutte le mie esperienze e per tutte le telefonate a cui ho risposto, vi garantisco che ne sentirete delle belle.

Non vi consiglio di prendervi il numero perché vi sposterebbe dalla fantasia che andremmo a vivere. ma vi assicuro che nella sezione erotica delle ragazze, spero per qualche altro anno, ci sono anche io.

Ci sentiamo al prossimo, vero, racconto. Un bacio da Francesca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *