Linea Erotica Gratis

Ti piacerebbe avere una Linea Erotica gratis? Non possiamo accontentarti ma possiamo aiutarti in qualcosa di meglio mettendoti a disposizione questa guida definitiva per accedere ad una promozione irripetibile e unica tra i servizi del sesso al telefono ed ottenere numeri erotici gratis. Come? Facile. Basta accedere alla promozione qui sotto e parlare al costo di un caffé attraverso la nostra linea erotica a basso costo per ben cinque minuti. Lo stesso caffé che offriresti alla ragazza spontaneamente se la incontrassi per strada

Come posso usufruire di ulteriori promozioni sul vostro sito?

Basta tornare! Ogni mese mettiamo a disposizione dei nostri cliente una vasta gamma di promozioni. Un numero erotico Gratis sarà quasi impossibile da avere. In fondo le ragazze fanno le centraliniste di mestiere e quello che le tiene accese e vogliose sono proprio quei pochi centesimi che si mettono tra le mutande ogni minuto, quindi sfrutta la linea erotica a basso costo finchè puoi !

Contrariamente se non vorrai tornare spesso sul sito puoi chiedere di essere avvertito tramite una mail o sms. Per farlo ti basterà mandare i tuoi dati qui.

Richiedi Iscrizione Promozioni

La nostra Linea Erotica gratis

Ovviamente, promozioni a parte, hai sempre e comunque la possibilità di chiamare le nostre numerazioni attraverso numeri sempre a tua disposizione. Dal credito del tuo cellulare o della tua carta di credito. (anche prepagata, postepay, sisalpay)

Un momento di puro relax per la tua maiala di fiducia.
Continua a scorrere e rifatti gli occhi su una delle signore della nostra linea erotica gratis!

Ti ricordiamo che il servizio di Linea Erotica a basso costo è gratuito fin quando non sentirai la voce della tua maiala preferita e ovviamente finché resterai sul sito!

Una passione innata per dare piacere agli uomini. Per tenerli al telefono e sentirli venire con le sue parole. Qualcosa che è impossibile da spiegare, ci ha confessato. Ogni volta che un uomo è con me in una conversazione erotica mi sento come se riuscisse a toccarmi. E’ come se riuscci a toccare realmente il suo cazzo e succhiarlo fino a farlo venire. La cosa divertente è che ogni storia è totalmente a se.

Intrattenimento erotico - numeri erotici - linea erotica
Intrattenimento erotico – numeri erotici – linea erotica

Ci sono uomini che non vedono l’ora di sfilarmi i pantaloni altri che vogliono solo leccarmela e altri ancora che esplodono di piacere solo sentendo la mia voce. Questo mi fa sentire davvero viva. Mi riempie di piacere e mi da una scarica di adrenalina che non puoi percepire in tutte le linee del Telefono Erotico. In fondo non sto chiedendo tanto. Solo di essere chiamata e ascoltata. Non mi importa se non mi parli perché posi il telefono per avere le mani libere. Ecco perché ho deciso, per i miei followers, di fare qualche scatto preparandoli a questo periodo che verrà. E… vi prometto che sotto natale vi anticiperò le fotografie di Agosto!

Cosa trovo una volta fatto il numero per l’ascolto della linea erotica?

  • Premendo 1 troverai un racconto erotico dedicato ad una storia che si svolge in un negozio di intimo.
  • Premendo 2 troverai un racconto erotico dedicato ad una storia che si svolge in una palestra.
  • Premendo 3 troverai un racconto erotico dedicato ad una storia che narra di un viaggio erotico molto piccante.
  • Premendo 4 troverai un racconto erotico dedicato ad una storia di una ragazza che in casa e sola decide di giocare con gli oggetti che ha intorno.
  • Premendo 5 troverai un racconto erotico dedicato ad una storia di ripassi scolastici
  • Premendo 6 troverai un racconto erotico dedicato ad una storia che si ambienta in un cinema hard
  • Premendo 7 troverai un racconto erotico dedicato ad una storia dedicato a due sorelle con un cugino molto interessante
  • Premendo 8 troverai un racconto erotico dedicato ad una mamma molto interessata all’amico della figlia
  • Premendo 9 troverai un racconto erotico ad una ragazza molto interessata ad avere un’esperienza con più persone in una volta sola

Avete a disposizione altri gruppi di racconti erotici?

Certamente abbiamo a disposizione ulteriori pagine di racconti erotici che mirano ad offrirvi la possibilità di ascoltare storie e racconti erotici da parte di ogni genere e voce. Ti basterà seguire l’elenco qui di seguito per accedere ad altre numerazioni dedicate e ascoltare il preaudio che ti permetterà di risparmiare tempo!

Ascolta e godi - Racconti erotici - linea erotica - telefonate erotiche - racconti erotici
Ascolta e godi – Racconti erotici – linea erotica – telefonate erotiche – racconti erotici

Segui la nostra linea erotica anche su tutti i social : FacebookInstagramTwitterVirgilio

Puoi trovarci anche su PornHub ed Eporner


Racconto erotico – Una storia di incesto con le mie due mamme

Ci sono stati momenti in cui ho maledetto la mia famiglia. Odiavo non essere normale perché da bambino venivo sempre preso in giro. Mentre tutti gli altri bambini avevano una madre e un padre, io avevo due madri: mamma e mamma.
Sono il prodotto di una politica che promuove le relazioni tra persone dello stesso sesso. Le mie madri sono lesbiche ed entrambe sono le mie madri biologiche. Matilda, o come la chiamo io: mamma, ha donato l’uovo e la mamma, in realtà Sabina, mi ha portato in grembo, quindi entrambe sono fondamentalmente mie madri.

Come ho detto all’inizio, venivo preso in giro in continuazione… Ma per me era la cosa più normale del mondo. Certo, mi mancava una figura maschile, e questo non è stato compensato da una delle mie madri. Entrambe erano madri purosangue. Entrambe mi hanno anche allattato. Non c’era divisione dei ruoli, entrambe erano madri. Per rendere le cose più facili, abbiamo deciso che avrei chiamato Matilda “mamma” e Sabina “mamma”.

Quindi la mia infanzia è stata difficile. È stato solo quando ho raggiunto la pubertà che tutto è cambiato in meglio. Sono passato da un piccolo perdente ad un ragazzo famoso perché improvvisamente le mie madri non erano più lo zimbello dell’intero quartiere ma il sogno proibito di ogni adolescente. All’improvviso ho avuto molti amici che volevano davvero venire a casa mia per vedere le “lesbiche arrapate”. Ma le mie madri lo sapevano e apprezzavano l’attenzione che ricevevano.

Non erano timide nel mostrare il loro fascino: d’estate correvano per il giardino in bikini e si spruzzavano con l’acqua. Si baciavano deliberatamente profondamente quando si sentivano osservate. Sì, oggettivamente parlando, le mie madri sono donne molto attraenti che i miei amici amano chiamare MILF. Tuttavia, non potrebbero essere più diverse. Mami, ad esempio, è più del tipo del sud: colore della pelle più scuro, capelli neri e un corpo da modella snello. La mamma, d’altro canto, è una donna completa: curve strette, bacino ampio e un ano enorme. Tipo di pelle più chiara e bionda. Insieme hanno creato un sacco di fantasie porno nelle teste dei miei amici.

Linea erotica anziane numero erotico anziane
Ascolta e godi – Racconti erotici – linea erotica – telefonate erotiche

Ma nonostante i miei tanti amici, tutti maschi, ho un problema: sono dannatamente timido quando si tratta di donne. Anche se sono cresciuto con le donne per me è sempre stato un problema parlare con loro, soprattutto se erano attraenti. Ma poi ho incontrato Marika. Una bella ragazza della mia classe che ha fatto il primo passo e mi ha parlato. Non era esattamente la bomba a cui piace mettersi in mostra e attirare l’attenzione, ma piuttosto la dolce ragazza della porta accanto.

Siamo andati al cinema e abbiamo preso un gelato e mi sono innamorato di lei. Ma una cosa mi ha spaventato: l’ultima volta che l’ho portata a casa, c’è stato un momento, un momento in cui sapevo che avrei dovuto baciarla. Ma come un idiota l’ho semplicemente salutata. Sì, ero vergine e anche se ero felice che le cose tra noi si muovessero lentamente, rimpiangevo ancora profondamente di non averla baciata quella sera.

“Mamma” la chiamai quando tornai a casa quella sera. “Ho bisogno del tuo consiglio…”
La mamma stava piegando il bucato, ma quando ha visto qualcosa che mi dava fastidio, lo ha messo via e ci siamo seduti sul divano. Le ho raccontato della mia serata e della mia opportunità per il mio primo bacio. Lei capiva la mia eccitazione, anzi: era felice e quasi si commuoveva fino alle lacrime.
“Matilda, tesoro!” gridò. “Scendi! Il nostro bambino è cresciuto!”

La mamma scese le scale in accappatoio e si stava avvolgendo un asciugamano intorno ai capelli bagnati. “Cosa c’è che non va?” chiese.
“Il nostro tesoro aveva un appuntamento oggi! E ha quasi avuto il suo primo bacio!”
La mamma si sedette alla mia sinistra. “Perché solo quasi?” chiese.
“Uff”, ho espirato. “non saprei. Credo di aver avuto paura… voglio dire: non so come si bacia.”
“Ma ci hai già visto farlo un milione di volte,” ha detto la mamma guardandola. Ridacchiarono leggermente.

“Sì, ma non è la stessa cosa. Ti ho visto preparare bistecche centinaia di volte eppure sbaglio sempre. È solo che non ho la pratica.”
“Ho un’idea”, ha detto la mamma. “Vieni qui”, ha chiamato la mamma. Si chinarono entrambi su di me, la mamma a sinistra, la mamma a destra. “L’importante è che tu sia tenero”, mi ha detto accarezzando la guancia della mamma. Poi le diede un bacio leggero. Le mie madri si sono baciate proprio davanti a me. Un piccolo bacio si è trasformato in uno grande. “La cosa migliore che devi fare è accarezzarle la testa e farlo con molto sentimento.”

E poi si baciarono profondamente. Proprio di fronte a me. Perfino io, a cui non è mai piaciuto il porno lesbico a causa della mia situazione familiare, ne sono rimasto in qualche modo eccitato.
“Capisci?” mi chiese la mamma quando si lasciarono di nuovo andare.
L’ho semplicemente guardata con gli occhi spalancati. “Uhhhmmm…” non sapevo cosa dire. “Sai una cosa?” disse all’improvviso la mamma. “Vieni qui.” All’improvviso mia madre mi afferrò la nuca e premette le sue labbra sulle mie. Sono rimasto totalmente sorpreso. I miei occhi si spalancarono mentre guardavo mia madre baciarmi teneramente. Sentivo le sue labbra morbide sulle mie, massaggiando le mie sensualmente. Ero sbalordito, ma ho anche pensato che fosse un po’… bellissimo.

Quando si è allontanata, ho semplicemente pronunciato un interrogativo “Mamma?” La mamma guardò scioccata il suo partner: “Cosa?”, rispose la mamma. “È solo un bacio.”
“Sì, ma è tuo figlio”, ha detto la mamma, perplessa. “Sì e? Molte madri baciano i loro figli.”
“Sì, ma non così.”
La mamma si voltò verso di me e mi lanciò uno sguardo interrogativo: “Ti ha fatto male?”
Scossi la testa, un po’ confuso.
“Bene, allora”, ha detto di nuovo la mamma. “Ma questa volta, per favore, prova a ricambiare.”

Non appena lo disse, ricominciò a baciarmi. Premette nuovamente le sue labbra sulle mie. «E chiudi gli occhi», mormorò. Eccole di nuovo: le sue morbide labbra sulle mie. È stato dannatamente strano baciare mia madre in quel modo, ma questa volta ho accettato. Ho ricambiato il suo bacio. Le nostre labbra si mordevano e ci accarezzavamo teneramente. Anche se lo volessi, non potevo dimenticare che stavo baciando mia madre.
“Wow”, disse mentre indietreggiava di nuovo. “Non male come inizio, hai un talento naturale” Sorrisi stupidamente e vidi la mamma che ci osservava con curiosità.

Numero erotico di Linea Erotica - Vera linea erotica
Ascolta e godi – Racconti erotici – linea erotica – telefonate erotiche

“E ora bacia la mamma come io ho baciato te”, ha detto la mamma.
“Cosa?” rispose la mamma. “Non bacerò mio figlio.”
“Che senso ha? Non dovresti fare sesso subito. Provalo. È davvero bravo!”
La mamma ci ha pensato un attimo e mi ha guardato. Rimasi seduto lì, appoggiato allo schienale del divano, tutto eccitato. L’altra mia madre mi bacerà adesso?
“Va bene,” disse. “Vieni qui”, disse, aprendo le braccia. “Vieni dalla mamma”, disse sorridendo. Mi sono avvicinato e l’ho baciata. Proprio come prima la mamma mi teneva e mi accarezzava la testa, io ho fatto lo stesso con la mamma. “Non male”, disse sorpresa. Si sporse di nuovo verso di me. “E ora con la lingua.”

Non appena ho capito cosa stava dicendo, ho sentito la sua lingua calda e scivolosa nella mia bocca. Ha cerchiato la mia e ci ha giocato: è stato bellissimo. Le punte delle nostre lingue si toccavano e si sfregavano l’una contro l’altra. Ero completamente sbalordito. Mi sono seduto e ho guardato mia madre che mi sorrideva. “Ora mostra alla mamma quello che hai imparato”, ha scherzato la mamma. La mamma si è subito avvicinata a me e mi ha dato un profondo bacio alla francese.

“Wow”, gemette mentre indietreggiava di nuovo. Mi sono sentito come se fossi in un famoso film in cui un ragazzo si esercitava prima con la sua finta sorella, poi con la sua finta madre. Solo che non ero in un film, ma nella realtà. E non erano una finta sorella e una finta madre ma le mie vere, vere madri. In realtà dovrebbe darmi fastidio o disgusto da in qualche modo, giusto? Ma mi sono divertito al massimo!

All’improvviso le mie due madri si baciarono profondamente. Potevo letteralmente vedere le loro lingue giocare tra loro. “Guarda e impara”, ha detto la mamma interrompendo il bacio e girandosi verso di me. “Se vuoi che sia qualcosa di più di un semplice bacio, devi toccarle delicatamente la vita.” La mamma la baciò di nuovo sensualmente e le accarezzò dolcemente la schiena.
“E quando noti che le piace, vai avanti”

Mia madre gemette leggermente quando la mamma le mise la mano sotto la maglietta e le afferrò il seno sinistro. Si scambiarono un lungo bacio alla francese e giocherellarono tra loro. Mi sono seduto lì e l’ho visto dalla prospettiva perfetta, a pochi centimetri di distanza. Praticamente ero in pole position, o meglio, ero in un porno. E i miei occhi erano la macchina fotografica. Sì, era mia madre che pomiciava e sì, avrei dovuto trovarlo un po’ disgustoso, ma invece non sarei voluto essere stato altrove in quel momento.

“Poi le massaggia i seni”, ha detto la mamma. “Ma fai attenzione, sono sensibili.”
La mamma si è chinata su di me e ha baciato la mamma. La mamma, invece, si è fatta massaggiare il seno e si è divertita moltissimo. Il solo guardarlo mi rendeva duro come l’acciaio.
All’improvviso la mamma si fermò e si voltò verso di me.
“Hai mai toccato un seno?” mi chiese incuriosita.
“N-no”, balbettai e scossi la testa.

E poi, come se fosse la cosa più normale e naturale, si aprì la vestaglia e mi presentò il suo seno. In realtà, stava mostrando tutto il suo corpo, ma i miei occhi si sono subito concentrati sulle tette della mamma. Erano perfetti, lo sapevo. Non erano eccessivamente grandi, più simili a una coppa da B a una C al massimo, ma avevano una forma perfetta. Non erano proprio piccoli, ma rispetto alla mamma, che ha cose enormi, sembravano piccoli. E poi quei capezzoli estremamente caldi. Sono rimasto stupito quando ho visto il seno di mia madre per la prima volta dopo diverso tempo.

La mamma ha i capezzoli molto scuri: un’areola relativamente piccola, ma capezzoli molto lunghi e duri che sporgono e sono leggermente rosa sulla punta. Non solo sentivo il bisogno di toccarlo, ma anche di metterlo in bocca e succhiarlo!

“Ecco” disse e mi prese la mano. “Toccalo”, disse con un sorriso e se lo portò al petto. Sarei potuto venire in quel momento in cui ho toccato per la prima volta un seno. È stato travolgente. La mamma mi ha stretto leggermente la mano così ho potuto sentire quanto fosse morbida e calda.
“Ci si sente bene, vero?” lei sorrise e lasciò andare la mia mano. Come ipnotizzato, le massaggiai il seno. Ho preso avidamente la mia seconda mano e ho massaggiato le tette della mamma. La mamma rise di gusto.

“Non è esagerato?” ha poi chiesto la mamma, interrompendolo. “Voglio dire: è nostro figlio…”
“Oh,” rispose la mamma. “Non è che li succhi.”
La mamma rise e lentamente voltò la testa dalla mamma a me. Quando vide l’espressione emozionata sul mio viso, chiese sorpresa: “Oppure è questo che vuoi?”
“Cosa?” Ritornai in me e mi comportai come se non avessi capito. Succhiarle le tette? Merda sì! Naturalmente lo volevo, non riuscivo quasi a staccare gli occhi dai suoi capezzoli. Nella mia testa ho immaginato come si sarebbero sentiti tra le mie labbra.

“Vuoi succhiare le tette della mamma?” chiese con voce sexy.
Mentre la mia bocca aspettava di rispondere, il mio cazzo mi ha urlato nei pantaloni: SÌ! SÌ! SÌ!
Il mio silenzio era una risposta sufficiente per la mamma. Si sedette su di me e mi spinse il seno in faccia. “Vieni dalla mamma” disse quando il suo capezzolo era a pochi millimetri dalle mie labbra. Ho subito scattato, leccato e succhiato il suo caldo capezzolo grande quanto un ditale.
“Ma ricorda: inizia sempre con tenerezza. Solo quando la donna è veramente eccitata puoi succhiare vigorosamente”

Ho provato ad ascoltarla, ma come potevo essere tenero quando ero così dannatamente eccitato all’idea di succhiarle il capezzolo. Naturalmente ha notato che non rallentavo il passo, anzi. “Va tutto bene”, mi ha detto e mi ha sussurrato all’orecchio mentre mi accarezzava i capelli: “La mamma è già molto eccitata.”
Quando l’ho sentito, non ci ho capito più niente. Invece di seguire il suo consiglio di essere tenero sono diventato più selvaggio. Le ho succhiato il capezzolo ancora più forte.

La mamma rideva e gemeva mentre guardava suo figlio succhiarle ossessivamente le tette. Le ho succhiato il capezzolo come una cannuccia da frullato. Ma invece di congelarmi il cervello, ho avuto un’erezione sempre più dura che si stava accumulando sotto mia madre.
All’improvviso il sapore nella mia bocca è cambiato. Invece di un sapore leggermente salato, improvvisamente ho sentito sulla lingua qualcosa di completamente diverso, di dolce. Avevo la sensazione che la mia bocca si riempisse di un liquido più denso della saliva.

Era… “Latte?”, chiesi mentre tiravo indietro la testa. E in realtà, proprio davanti ai miei occhi, una spessa goccia bianca è uscita dal capezzolo duro di mia mamma ed è scesa lentamente lungo di esso e poi lungo il suo seno.
“Ops”, ha detto la mamma. “Devi aver succhiato troppo forte.”
Anche se deglutivo, sentivo quel sapore gradevole in bocca, che migliorava man mano che osservavo lo sgocciolare sul petto della mamma. Latte, ho pensato. Latte materno. Ho appena bevuto il latte dalla tetta di mia madre. Guardai scioccato la goccia che la stava lentamente scorrendo addosso e mi resi conto che non avevo mai sperimentato niente di più eccitante.

“Lo sai”, ha detto la mamma. “Quando ti stavamo allattando, ci siamo resi conto che…”
Prima che continuasse, ho messo la lingua su quella goccia di latte materno che era appena sotto il suo seno e l’ho leccata via. Ho fatto scorrere la lingua lungo la traccia che ha lasciato fino alla dolce fonte di quell’incredibile liquido. Ho immediatamente avvolto le mie labbra attorno al suo capezzolo che produceva latte e ho succhiato più forte che mai.

La mamma rise sorpresa e mi passò di nuovo la mano tra i capelli.
“Ci siamo resi conto…” ha continuato. “Lo abbiamo trovato piuttosto eccitante, perché non c’è niente di più femminile di un seno che produce latte.”
L’ho ascoltata, ma ero troppo occupato per prestarle attenzione. Ho succhiato il latte direttamente dal suo seno nella mia bocca e ho lasciato che il suo latte si sciogliesse sulla mia lingua. Mi sentivo come un sommelier che assaggiava il latte materno invece del vino.

linea erotica gratis -numero erotico lesbo numero erotico lesbiche - Vera linea erotica
Ascolta e godi – Racconti erotici – linea erotica – telefonate erotiche

Nel bel mezzo dell’effetto di quell’elisir, la mamma ha detto le parole che mi hanno fatto fermare il cuore: “Ma il seno della mamma produce molto di più. “
Mi sono bloccato con il suo capezzolo in bocca. Il seno della mamma produce di più? Anche la mamma ha dato il latte materno? Mi sono appoggiato brevemente allo schienale e ho visto i capezzoli della mamma che lasciavano uscire di nuovo il latte. Mi sono rivolto lentamente alla mamma, che era rimasta così silenziosa per così tanto tempo.

E ancora una volta ho avuto uno shock: la mamma si era tolta la maglietta ed era seduta di fronte a me con la parte superiore del corpo nuda. Oh santo cielo, ho pensato tra me. La mamma era una fottuta dea! Ho sempre saputo che aveva un seno enorme, ma vederlo nudo, dal vivo e di persona mi ha lasciato senza fiato. Se il seno della mamma fosse grande, il seno della mamma non sarebbe un seno, sarebbe un seno enorme! Il seno della mamma è grande, così grande che non conosco nemmeno queste dimensioni!

Ovviamente si sono abbassati un po’ date le loro dimensioni, ma questo non ha rovinato l’estetica di queste magnifiche tette. Al contrario forse. Sembravano naturali. Aveva grandi areole rosa tenue con capezzoli rosa, che non erano lunghi e spessi come quelli della mamma, ma facevano sembrare il suo seno migliore. Si perfetto.

L’ho già detto delle tette della mamma, ma quelle della mamma erano altrettanto perfette, semplicemente diverse. Il seno della mamma sembrava quello di una madre che allatta. Grande, enorme, pieno di latte e pronto. Quando guardi questi seni perfetti, vorresti quasi essere un bambino allattato da questa donna straordinaria.

“Ora tocca alla mamma”, ha detto e ha presentato con orgoglio il suo seno. Si è chinata davanti a me e me li ha fatti penzolare davanti alla faccia. “Non vuoi?” mi chiese quando esitai. Ho immediatamente spinto il mio viso nel suo seno incredibilmente morbido e l’ho seppellito nelle sue tette potenti. Le ho afferrato forte le tette e le ho succhiato selvaggiamente il capezzolo. La mamma, che era ancora seduta su di me mentre succhiavo le tette alla mia sinistra, mi ha premuto le sue tette contro e ha iniziato a massaggiarle lei stessa in modo che potessi sentire il suo latte caldo che mi scorreva lungo la guancia.

“Come mai?” chiese la mamma a bassa voce. “Non è andato troppo oltre per te?”
Ho sentito lo sguardo caldo della mamma su di me mentre praticamente mi allattava. “Non lo so. Ho trovato piuttosto eccitante vederti allattarlo.”
Quando ho aperto gli occhi ho visto le mie madri baciarsi sensualmente. Le ho osservate con piacere con la tetta della mamma in bocca.
La mamma si alzò e si chinò su di lei. Ora la mamma ha preso i capezzoli della mamma in bocca e ha succhiato il latte dalle sue tette. Faceva dannatamente caldo.

Continua a leggere la storia qui.


Con le nostre telefonate erotiche potrai soddisfare ogni tuo desiderio, cosa aspetti? Chiama la linea erotica!

Sostieni come noi il wwf per aiutare le specie in via di estinzione