Linea Erotica Schiave

Linea Erotica Schiave è un Telefono Erotico dedicato totalmente ai tuoi desideri. Ragazze che sapranno sottostare ad ogni tuo ordine, voglia e desiderio. Se conosci già il servizio di seguito il numero. Altrimenti se vuoi saperne qualcosa di più continua a leggere.

linea erotica schiave

Chi sono le ragazze sottomesse nella linea erotica schiave?

In realtà sono delle ragazze comuni. Con una piccola differenza: “Godono nel sentirsi comandate!”. Ecco perché la selezione della nostra Linea Erotica è stata cosi rigida da selezionarne ben 20 esclusivamente per la tua gioia.
Dovrai solo preoccuparti di fare il numero e cominciare a parlare con la tua nuova suddita.

Cosa puoi chiedere ad una ragazza schiava su linea erotica schiave?

linea erotica schiave

Tutto quello che vuoi, finché rispetterai eventuali accordi presi ad inizio telefonata con la ragazza. Anche se il Sesso al Telefono è ovviamente più semplice da gestire per il semplice fatto che si può attaccare in ogni momento. Ma prova ad immaginare una conversazione dove con un sovrapporsi di ordini puoi gestire la ragazza della linea erotica schiave come vuoi. Farla essere ciò che vuoi. Qui è possibile. Quindi se per una volta vuoi gestire tu la conversazione qui potrai addirittura programmarla.

Altre sezioni che potrebbero interessarti:

Non dimenticare di seguirci sui nostri social e sulle nostre community:

Seguici anche su tutti i nostri social : FacebookInstagramTwitterVirgilio

Puoi trovarci anche su PornHub ed Eporner

Ascolta e godi - Racconti erotici - linea erotica - telefonate erotiche - racconti erotici
Numero erotico lesbo – Racconti erotici – linea erotica – telefonate erotiche – racconti erotici

Come sono diventata la schiava di mio marito e non solo

Inizio della 3° parte, inizia a leggere la storia qui.

“Vuoi guardarmi fare pipì” gli ho chiesto. “No, voglio fare pipì sul tuo corpo adesso”, disse sfacciatamente, “e nella tua bocca!” Rimasi senza fiato e stavo per arrabbiarmi. Ma non ho apprezzato anche l’ umiliazione con il siriano? Certo, mi è piaciuto e sono disposta anche a farmi fare il piercing per il turco.

Perché non dovrei godermi anch’io l’umiliazione di mio marito? Mi tratta nel modo in cui segretamente mi piaceva.
“Sì”, sussurrai. Paul mi guardò irritato. “Sì, puoi fare quello che vuoi con me”, sussurrai un po’ più forte ora.
“Davvero?”, chiese dubbioso. Ho annuito. Velocemente, affinché non potessi cambiare idea, si alzò e mi tirò su. Prima che me ne rendessi conto, ero sotto la doccia e mi inginocchiavo davanti a Paul. Una strana eccitazione mi pervase mentre mi appoggiavo sulle ginocchia e chiudevo gli occhi. Avevo la bocca semiaperta. Non ci volle molto prima che un getto caldo mi colpisse il petto.

Questo flusso formicolio ha attraversato tutto il mio corpo, trasmettendomi un nuovo tipo di piacere. Prima mi ha schizzato sulle tette, poi sulla pancia e lentamente è tornato sul mio viso. Come incantata aspettai che il liquido entrasse nella mia bocca, la aprii completamente e la sua urina vi scivolò dentro.
Pensavo che il gusto non fosse esattamente eccezionale ma era finita. Abbiamo fatto la doccia insieme e poi era di nuovo pronto per me.

I giorni feriali passavano come niente. Martedì pomeriggio è stato dolorosamente emozionante, ma ce l’avevo fatta. Le persone del negozio di occhiali mi avevano dato qualcosa che preveniva l’infezione, quindi da venerdì non avevo più sintomi. A Paul non piaceva il fatto di dover fare a meno del mio corpo per tutto il tempo, ma in compenso lo accontentavo ogni volta e, cosa più importante, lo eccitavo. Anche l’anello gli è piaciuto.

Mio marito e i miei figli sono usciti di casa puntualmente sabato alle 18:00. Li ha portati dai suoi genitori. Non avrei mai pensato a questa semplice soluzione. Dopo
volle andare direttamente al pub. Nel frattempo feci il bagno e mi preparai per la mia missione con il siriano. Proprio come voleva, mi sono presentata puntualmente alla sua porta alle otto meno 10. Tremando, suonai il campanello. Come al solito, Sami stava sulla porta con la sua uniforme e mi salutava. Mi ha attirato violentemente dentro e ha subito iniziato a baciarmi.

Completamente esuberante, mi ha trascinato in bagno. Nel giro di un minuto ero spogliata.
Mi coprì nuovamente di baci e si strinse a me, facendomi sentire il suo respiro caldo sulla pelle. Stavo davanti a lei con le gambe divaricate e completamente nuda, ma ora lei mi ha lasciato andare e ha iniziato a oliarmi. Non appena le sue dita mi hanno toccato, mi sono arresa al massaggio peccaminoso e ho sentito come le sue abili mani
coprivano la mia pelle con una pellicola lucida ovunque. Purtroppo il massaggio non durò a lungo.

Ascolta e godi - Racconti erotici - linea erotica - telefonate erotiche - racconti erotici
Ascolta e godi – Racconti erotici – linea erotica – telefonate erotiche – racconti erotici

Poi mi ha truccata come piaceva a suo marito: ombretto scuro, rossetto rosso vivo con un bordo nero, i miei capezzoli e le parti intime erano incipriate dello stesso colore e poi mi ha spruzzato il suo profumo. Per indossarlo mi ha passato un top nero, totalmente trasparente e ovviamente senza ombelico. I pantaloni, realizzati con lo stesso materiale avevano un taglio generoso sul cavallo in modo che tutte le zone importanti fossero facilmente accessibili. Poi c’era un pesante collare di cuoio nero con un anello attaccato.

Polsini in pelle più piccoli, anch’essi con un anello, seguivano sia sulle braccia che sulle caviglie. Finalmente è arrivato il momento delle décolleté davvero dal tacco alto, molto più alto delle scarpe che avevo indossato finora. Mi sentivo come una nave in un mare in tempesta. Era tutta avvolta in un vestito blu e informe con un foulard abbinato… inimmaginabile poco più di sei settimane fa, ma oggi è semplicemente indescrivibilmente emozionante.

Cosa mi succederebbe adesso? Chi posso servire? Chi mi userebbe? Completamente persa nei miei pensieri, non mi accorsi nemmeno che Sami non era più in bagno. Poco dopo lei venne e disse: “Vieni, il taxi è qui”. Io barcollavo dietro di lei con le scarpe troppo alte. Quando siamo arrivati ​​in strada, mi ha mostrato come tenere il velo. Ho visto Sami dare un biglietto al tassista. Mentre guidava, mi ha messo degli occhiali da sole così scuri che ero completamente cieca.

Accettai di non dover conoscere il luogo della nostra destinazione. Nella mia testa correvano le idee più sfrenate su cosa mi avrebbe aspettato. Il taxi si fermò ma ancora non potevo togliere nè foulard nè gli occhiali da sole. Eravamo ancora immobili sulla strada quando il taxi si allontanò. Sami mi ha guidato con attenzione in una casa con parole tranquille e calme.

Qui mi ha condotto attraverso diverse stanze finché alla fine si è fermata. In qualche modo ho sentito che c’erano altre persone nella stanza e nei secondi successivi ho sentito anche le mani di diversi uomini che mi toglievano il vestito. È stata prestata attenzione affinché i miei occhiali non scivolassero e non osassi nemmeno toccarli.
Naturalmente ho provato a strizzare gli occhi oltre i bordi degli occhiali, ma erano completamente a filo con il mio viso, quindi non avevo alcuna possibilità. Ora venivo brutalmente spinta giù…

C’era qualcosa di morbido sotto di me. Qualcosa di metallico scattò nei polsini di pelle, sia sul braccio che sulle caviglie. Ora ha cliccato di nuovo, ma non per me. Mi sono resa conto che ora era il turno di Sami. La sentivo sotto di me, la riconoscevo dall’odore del suo profumo. Alla fine mi sono stati tolti gli occhiali. Ho visto che le mie braccia erano incatenate alle caviglie di Sami. Avevo appena lo spazio sufficiente per raggiungere la sua figa con la bocca. Sami indossava la mia stessa cosa.

Attraverso i pantaloni trasparenti potevo vedere le sue gambe lunghe e sottili e anche il suo cavallo era generosamente lasciato fuori. Anche lei indossava le stesse scarpe col tacco alto. Ma ho visto qualcos’altro e mi ha scioccato. Sami era sdraiata su un tappeto che mi sembrava molto familiare. Ma prima che potessi pensarci, Sami ha iniziato a leccarmi la figa. Ma non ho avuto bisogno che me lo dicessero due volte, ho ignorato il tappeto e i pensieri che ne derivavano e ho baciato e accarezzato la la sua fessura bagnata.

Mentre coccolavo con devozione la calda figa di Sami sempre più intensamente, cascate di sentimenti meravigliosi si riversarono attraverso la mia fessura sempre più lussuriosa.
Adesso capivo perché alcune donne affermavano sempre che solo le donne potevano condurre le donne nelle sfere estatiche. Nessun uomo potrebbe fare una cosa del genere, così teneramente e nei punti giusti. Ma gli uomini hanno parlato. All’improvviso c’era un cazzo, grosso e forte, che chiedeva di entrare nella figa di Sami.

Mi sono subito rivolta al grosso tronco, ho cominciato a leccarlo e l’ho osservato mentre si premeva tra le labbra gonfie della sua figa. Due o tre brevi spinte, poi il cazzo voleva rientrarmi in bocca. L’ho preso con entusiasmo e l’ho sentito spingersi tra le mie labbra in modo avvincente mentre un altro cazzo si spingeva contro la mia figa calda. Ero sempre più arrapata, sentendomi così un’asta potente mi trafisse e mi fece tremare con spinte selvagge.

Questa fretta mi ha preso di nuovo… cazzi davanti e dietro… nella figa di Sami, nella mia bocca. I cazzi che creavano dipendenza ci trafiggevano a un ritmo sempre più veloce, con Sami e io a malapena riuscivamo a muoverci perché le catene non ci davano abbastanza libertà di movimento, quindi eravamo inermi in balia degli attacchi lussuriosi. Ma era proprio questa impotenza, la sensazione di essere usata, che mi faceva ribollire dentro.

Poi gli uomini sono cambiati. Persone fresche e riposate sono venute e hanno giocato con noi lo stesso gioco con grande forza. Nel mezzo di questa estasi, improvvisamente mi bloccai. Questo cazzo, o più precisamente la voglia sul lato destro del bacino, era Paul. Il tappeto era il nostro soggiorno. Ho alzato lo sguardo e l’ho riconosciuto. Sì, era lui. I nostri occhi si incontrarono. Tutto quello che ho visto sul suo viso era la lussuria totale. Volevo dire qualcosa e ho aperto la bocca a metà.

In quel momento Paul sollevò un po’ il bacino così che ora potevo sentire il suo pene contro la mia bocca. C’era qualcosa da spiegare qui? Incapace di mettere tutto insieme nella mia testa, ho aperto le labbra, ho preso in bocca il suo cazzo fin troppo familiare e il solito ritmo è ricominciato. In qualche modo dovevo pensare alla partita di calcio che lui voleva davvero vedere. Invece mi ha tirato un gol dopo l’altro in bocca.

In qualche modo ero persino sollevata dal fatto che sapesse tutto. Sami e io fummo liberate dai nostri legami, ma non era ancora finita perché prima che me ne rendessi conto ero legata a un lettino. Le mie gambe erano allargate e fissate mentre guardavo Sami avvolta in una complicata imbracatura di cuoio attaccata al soffitto. Avevano
tolto il nostro lampadario e ora Sami era appesa al gancio dell’altalena in pelle.

Ascolta e godi - Racconti erotici - linea erotica - telefonate erotiche - racconti erotici
Ascolta e godi – Racconti erotici – linea erotica – telefonate erotiche – racconti erotici

Ero così affascinata dal guardare che non mi sono nemmeno accorta che una macchina veniva messa tra le mie gambe divaricate. Ad esso era attaccata un vibratore, che ora si immergeva nella mia figa con colpi lenti ma potenti. Questa macchina mi stava facendo impazzire, a tal punto che riuscivo a malapena a concentrarmi sui cazzi che si raccoglievano lussuriosi intorno alla mia bocca. Ad un certo punto era quasi svenuta, non ricordavo quanti orgasmi ho avuto, ma erano innumerevoli.

Non avevo notato come mi mettevano nell’imbracatura di cuoio, non avevo notato come tutte le persone se ne fossero andate. Mi dondolai lentamente avanti e indietro nel soggiorno era svenuta, c’era solo Paul.
Si sedette sulla sua sedia preferita e mi guardò dall’altalena in pelle. Quando mi sono svegliata, ero ancora sull’altalena in pelle, Paul non c’era. Non potevo liberarmi perché i miei polsini di pelle erano collegati all’altalena.

Non volevo urlare, quindi mi sistemai nel mio letto scomodo e aspettai. Devo essermi addormentata di nuovo perché mi sono svegliata con il meraviglioso profumo del caffè appena preparato. Quando Paul entrò in soggiorno era già vestito. Mi ha liberato senza dire molto e mi ha detto semplicemente: “La colazione sarà pronta tra poco”. Ho
annuito e sono andata in bagno. Dopo la doccia mi sono sentita un po’ ristabilito. Come dovrei comportarmi adesso? Ho deciso che non si poteva tornare indietro adesso.

O mi accettava così oppure mi lasciava. Qualunque cosa facessi adesso, non potevo tornare indietro. Mi sono oliata di nuovo, mi sono truccata come ieri sera e sono entrata
in cucina nuda. Paul mi guardò e indicò il mio posto. Il caffè era già stato versato e la tavola era perfettamente apparecchiata. Ho tirato fuori la sedia e ho visto che c’era un enorme vibratore attaccato ad essa. Paul ora era interessato a vedere come mi sarei comportata adesso. Gli ho sorriso, mettendo una gamba sulla sedia in modo che potesse vedere la mia figa rasata. Poi mi sono chinato sul tavolo della colazione e ho fatto scorrere due dita sul burro.

Ascolta e godi - Racconti erotici - linea erotica - telefonate erotiche - racconti erotici
Ascolta e godi – Racconti erotici – linea erotica – telefonate erotiche – racconti erotici

Mi sono spalmata la figa con il burro, mi sono posizionata sopra l’enorme dildo e l’ho lasciato scivolare lentamente dentro di me. Paul mi guardò con occhi luminosi
mentre scendevo verso il cuscino della sedia. “Mi vuoi ancora così?” gli chiesi durante la colazione, perché contrariamente alla sua solita abitudine rimase in silenzio e non disse una parola. Mi ha guardato arrapato e ha fatto colazione. “Ho risposto a questa domanda quattro settimane fa”, è stata la sua risposta. “Quattro settimane fa?”, ho risposto, stupita.

“Quattro settimane fa ho ricevuto una telefonata da un siriano che conoscevi che mi ha invitato nel suo appartamento. Quando sono arrivato, mi ha regalato un reggiseno tagliato, che tra l’altro conosco bene. Ero piuttosto sorpreso. Poi arrivò sua moglie con un vestito di gomma nera. La siriana mi ha invitato e più volte ho potuto
realizzare con lei tutte le mie fantasie, tutto ciò che sognavo. Il prezzo eri tu”, mi spiegò. “Io?”, ho risposto. “Sì, tu. Il turco vuole fare di te uno schiava”, mi spiegò. “Lo ha fatto”, risposi.

“No, sta appena iniziando.” La mia faccia impallidì. Ancora? Come si può migliorare una cosa del genere? Ho sentito la cosa enorme dentro di me. Avevo di nuovo caldo. “Devi diventare una vera schiava”, è stata la sua dura risposta. “Qual è la tua risposta?” Lentamente, affinché questa cosa enorme potesse scivolarmi fuori, mi alzai. Ora stavo nudo davanti a lui, mi sono inginocchiata e gli ho aperto i pantaloni. Lui e il suo cazzo hanno capito la mia risposta…


Con le nostre telefonate erotiche potrai soddisfare ogni tuo desiderio, cosa aspetti? Chiama la linea erotica!

Sostieni come noi il wwf per aiutare le specie in via di estinzione

Siamo anche sulle seguenti piattaforme: