Ragazze al telefono erotico

Benvenuto nella linea della Ragazze al Telefono Erotico, qui potrai trovare stupende e giovanissime Ragazze pronte a darti tutto quello che stai cercando. I nostri servizi erotici sono riservati ad un pubblico adulto e per questo sanno esattamente a cosa vanno incontro. Un uomo, quando chiede non vuole sentirsi dire di no. Vuole godere. Senza star li a riflettere se quello che gli stai offrendo è abbastanza.
Hanno te come priorità nient’altro. Sono capaci di sentirti godere attraverso il filo del telefono e sanno perfettamente che se vogliono possono seguirti nell’orgasmo che avrai con loro.

Utilizzarlo è semplice. Vi basta cliccare sul numero e iniziare a parlare con la ragazza nella linea erotica. Il credito vi viene scalato alla risposta e per tutta la durata della telefonata non vi verranno addebitati costi aggiuntivi. In sintesi se con gli ultimi 3€ del vostro cellulare avete deciso di farvi una nuova amica… adesso con il numero erotico ragazze è possibile.

Vieni a conoscere le nostre ragazze al telefono

Sono tre le più giovani, bellissime e vogliose e capaci di tutta Italia. Come loro potrai incontrarne veramente poche.
Adorano essere le tue troie per quei minuti che vuoi trascorrere con loro.
Divertirsi e fartelo diventare duro come niente. Tutte le tue fantasie in una sola telefonata. Non perdere altro tempo cerca subito nella linea erotica la tua amica e inizia a parlare!

ragazze al telefono
Ascolta e godi – Racconti erotici – linea erotica – telefonate erotiche

Come posso usufruire di ulteriori promozioni sulla vostra linea erotica?

Basta tornare! Ogni mese mettiamo a disposizione dei nostri cliente una vasta gamma di promozioni. Un numero erotico Gratis sarà quasi impossibile da avere. In fondo le ragazze fanno le centraliniste di mestiere e quello che le tiene accese e vogliose sono proprio quei pochi centesimi che si mettono tra le mutande ogni minuto, quindi sfrutta la linea erotica a basso costo finchè puoi !

Contrariamente se non vorrai tornare spesso sul sito puoi chiedere di essere avvertito tramite una mail o sms. Per farlo ti basterà mandare i tuoi dati qui.

Richiedi Iscrizione Promozioni

Telefonate Erotiche registrate

Più che storie sono vere e proprie telefonate erotiche. Una valida alternativa alla nostra Linea Erotica. Perché qui ti basterà scegliere la categoria dei racconti e iniziare la tua esperienza. La voce di una ragazza o ragazzo – a seconda della categoria – ti racconterà una perversione frutto di fatti reali e fantasie. Chiamando il numero sotto indicato potrai effettuare sia l’ascolto etero, l’ascolto trans, l’ascolto coppie e l’ascolto gay.

Posso richiamare con lo stesso numero una volta usufruito del servizio?

Certo! Puoi chiamare la linea erotica tutte le volte che vuoi. Anche con lo stesso numero con cui hai chiamato in precedenza. Il funzionamento sarà il medesimo e nelle attese di centralino non ci saranno costi addebitati. E’ giusto dirlo perché essendo linee erotiche ad alto numero di utenza qualche volta dei minuti se ne vanno solo per l’attesa. Vi ricordiamo che finché non sentirete parlare la ragazza alla Linea Erotica il servizio sarà totalmente gratuito!

Cosa trovo una volta fatto il numero per l’ascolto della linea erotica?

  • Premendo 1 troverai un racconto erotico dedicato ad una storia che si svolge in un negozio di intimo.
  • Premendo 2 troverai un racconto erotico dedicato ad una storia che si svolge in una palestra.
  • Premendo 3 troverai un racconto erotico dedicato ad una storia che narra di un viaggio erotico molto piccante.
  • Premendo 4 troverai un racconto erotico dedicato ad una storia di una ragazza che in casa e sola decide di giocare con gli oggetti che ha intorno.
  • Premendo 5 troverai un racconto erotico dedicato ad una storia di ripassi scolastici
  • Premendo 6 troverai un racconto erotico dedicato ad una storia che si ambienta in un cinema hard
  • Premendo 7 troverai un racconto erotico dedicato ad una storia dedicato a due sorelle con un cugino molto interessante
  • Premendo 8 troverai un racconto erotico dedicato ad una mamma molto interessata all’amico della figlia
  • Premendo 9 troverai un racconto erotico ad una ragazza molto interessata ad avere un’esperienza con più persone in una volta sola
numeri erotici a basso costo
Ascolta e godi – Racconti erotici – linea erotica – telefonate erotiche

Seguici anche su tutti i nostri social : facebookInstagramTwitterVirgilio

Puoi trovarci anche su PornHub ed Eporner


Racconto erotico: Una studentessa per una coppia di arrapati

Il mio quarto semestre da studente di economia a Monaco era finito e avevo superato tutti gli esami a pieni voti. Da tempo programmavo una vacanza estiva in Costa Azzurra, più precisamente a Monaco, con la mia migliore amica Amelia ed entrambi non vedevamo l’ora. Amelia ed io siamo migliori amiche da quando ricordo. I nostri genitori erano amici, abbiamo frequentato la stessa scuola elementare e tutto il nostro percorso formativo fino all’università è stato identico.

Quindi praticamente sono cresciuta con lei e ovviamente l’ho anche vista diventare una donna (davvero sexy). Come il suo seno è cresciuto con una forma perfetta, le sue cosce e i suoi glutei sono diventati più forti e la sua autostima è diventata sempre più grande. Con i suoi 1,72 m, i capelli lunghi e biondi, la figura snella e atletica e il suo viso ben educato, è da anni una calamita per gli uomini.

Per me è stato un po’ diverso. Sono più una tipa bassa e formosa. Non mi definirei grassa, ma ogni mattina devo stringere il sedere e le cosce in un paio di jeans attillati. Stessa cosa con il mio seno abbondante strizzato in reggiseni spesso sono troppo piccoli. Nonostante la parte inferiore del corpo forte e il culo grosso, ho una vita estremamente sottile, che sembra essere molto apprezzata dagli uomini.

Tuttavia ero totalmente diversa da Amelia. Mentre lei andava a prendere un ragazzo in discoteca quasi ogni fine settimana, io ero più timida e riservata e all’epoca facevo sesso solo poche volte con i ragazzi. Quando ascoltavo le storie di sesso di lei e dei suoi amanti, mi eccitavo davvero. Ho sempre avuto questi pensieri…

Così all’inizio di luglio siamo state a Monaco per due settimane. Spiaggia, sole, festa. Questo era il nostro obiettivo per questa vacanza e ovviamente non siamo rimaste deluse. La seconda sera, dopo la giornata di mare e il buon cibo dell’hotel, siamo andate in camera a prepararci. Entrambe avevamo già bevuto uno o due cocktail e quella sera ci siamo divertite molto. Ci truccavamo a vicenda, ridevamo e ci raccontavamo storie.

linea erotica trans

Quando Amelia si spogliò davanti a me e rimase completamente nuda, rimasi a bocca aperta. Una sottile striscia di peli sopra la sua figa ben rasata non faceva altro che rendere il suo corpo snello ancora più attraente. Mi sono sorpresa a fissarlo, mi sono schiarita la gola e mi sono costretta a distogliere lo sguardo. “Certo Daphne, sono solo umana!” rise Amelia, che sembrava notare il mio aspetto. Sono diventata completamente rossa e ho fatto una risata imbarazzata.

“L’ho rasata così soprattutto per i ragazzi sexy qui, lo adorano davvero, credimi,” continuò a parlare indisturbata mentre si vestiva. Un’ultima volta ho intravisto le sue lunghe gambe, la sua bellissima figa, la sua pancia piatta e i suoi capezzoli piccoli e duri. Ho provato a cambiare pensieri e continuavo a ripetermi: “È una donna. Sei una donna. Le piacciono i cazzi. Ti piacciono i cazzi.”

Mentre mi cambiavo, sentivo anche i suoi occhi sul mio corpo. Lei bevve il suo bicchiere di vino e guardò il mio corpo nudo da capo a piedi. La sua mano sinistra si spostò delicatamente sulla scollatura e giocò leggermente con l’orlo del top. “Ti invidio così tanto per il tuo sedere grosso, Daphne. Non c’è nulla da cambiare”, ha osservato. “Penso che il tuo sia perfetto così com’è”, ho risposto con un sorriso mentre mi slacciavo il reggiseno. “E il tuo seno per primo! “Posso toccarlo?” chiese Amelia e posò il bicchiere sul tavolo.

Imbarazzata, mi sono coperta il seno e ho balbettato timidamente: “Um, okay. Se vuoi?” “Non sentirti così, sono solo io”, rise e venne verso di me. Mi ha toccato leggermente il seno e ha iniziato a massaggiarlo leggermente. I miei capezzoli sono diventati immediatamente duri come la roccia e ho emesso un gemito molto silenzioso, appena percettibile. “Sembra che non sia l’unica a cui piace!” rise forte e tornò al suo posto. Ero triste che fosse già finita e ho indossato velocemente il mio vestito corto nero sul mio culone ed ero pronta per il club.

Abbiamo bevuto alcol e dopo una conversazione sempre più intima abbiamo capito entrambe quanto fossimo completamente diverse quando si trattava di sesso. Lei faceva sesso almeno due volte a settimana, mentre io dovevo stare senza cazzo per circa sei mesi. Lei era più interessata ad andare duro con il ragazzo, io ero più interessato ad andare dura con me stesso. Lo stesso valeva per i nostri gusti nel porno. Siamo così partite per una delle discoteche più famose di Monaco, oggi volevo rilassarmi ed entrare nel vivo proprio come fà Amelia.

Abbiamo incontrato dei bravi ragazzi, ma la maggior parte di loro non era brava a fare altro che un offrire drink. Per una volta eravamo d’accordo su questo. Mentre ballavamo, Amelia mi ha dato un colpetto sulla spalla e mi ha gridato nell’orecchio a causa della musica ad alto volume: “Vedi quello laggiù? È carino!”

Mi sono girata e ho visto il ragazzo a cui si riferiva. Un uomo alto, nero e in forma con una maglietta bianca attillata che metteva ancora di più in risalto i suoi muscoli sporgenti. Stava chiacchierando con un buttafuori quando i nostri occhi si incontrarono. Mi sono immediatamente voltata di nuovo ed ero un po’ vergognosa ed eccitata allo stesso tempo. Aveva qualcosa di dominante nei suoi occhi che mi eccitava. “Hai ragione, tenta la fortuna!” dissi a Amelia, che era già a metà strada verso il toro nero.

Li stavo osservando con discrezione quando ho notato come lei gli ha sussurrato qualcosa all’orecchio, ha indicato nella mia direzione ed entrambi si sono voltati. Mi sono sentita presa come un guardone e mi sono voltata di nuovo per la vergogna. Un attimo dopo sentii una mano sulla mia spalla. Quando mi sono voltata lui era in piedi di fronte a me e mi tendeva la mano. “Mi chiamo Sebastian, tu come ti chiami?” mi chiese in perfetto tedesco. «Io… ehm, sono Daphne. “Quindi anche tu sei tedesco?” balbettai di rimando.

Linea Erotica Ragazze sexy

“Sono nato in Gabon, ma sono arrivato a Colonia da bambino”, ha sorriso amichevolmente. Ho ricambiato il sorriso e sono rimasta completamente catturata dai suoi occhi lucenti. Anche se era quasi due teste più alto di me e sembrava davvero spaventoso con il suo corpo muscoloso, mi ha davvero eccitato e ho notato come le mie mutandine si bagnavano. “Dove hai lasciato la mia ragazza?” Gli sorrisi. “Ho avuto una conversazione interessante con lei prima, non ti piacerebbe uscire un momento per vederla?” chiese Sebastian in modo amichevole. “Certo!” risposi, mordendomi eroticamente il labbro inferiore per la tensione.

Mi ha preso la mano e abbiamo lasciato il club insieme. Mi condusse in una zona più appartata della spiaggia, dove Amelia apparve all’improvviso dietro una palma. Ridendo volevo salutarla e corsi verso di lei, ma fui afferrata da dietro e trattenuta. Amelia si avvicinò lentamente a me con un sorriso e mi premette la mano sulla bocca. “So che tu piccola troia mi trovi arrapante e so anche che trovi Sebastian arrapante. Quindi oggi ti daremo una lezione. Stai bene?” Ancora completamente scioccata e del tutto ignaro di quello che stava succedendo, balbettai semplicemente da dietro la sua mano: “Perché stai facendo questo?” “Perché ti eccita, stronza, lo sappiamo entrambi.”

Aveva ragione. Solo questo momento mi ha fatto eccitare. Trattenuta impotente da un gigante nero mentre la mia ragazza arrapata mi chiama troia. “Fammi la tua puttana”, ho detto, senza rendermi conto di quello che avevo appena detto. Ero più straordinariamente eccitata di quanto avessi mai sperimentato prima. Quella era sempre stata la mia fantasia.

Sebastian allentò leggermente la presa e tutti e tre andammo fianco a fianco verso l’albergo. I due scherzavano e si parlavano come se nulla fosse fuori dall’ordinario. Ero così arrapata che potevo già sentire le mie mutandine bagnate tra le cosce. Quando arrivò nella camera d’albergo, Amelia disse: “Allora tu puttana. Ora il divertimento è finito. Vai in bagno e rinfrescati. Ti aspettiamo qui.” Detto fatto. Mi sono fatta la doccia e mi sono rasata una pista di atterraggio sulla figa come la mia migliore amica.

Sono uscita nudo dal bagno e mi sono fermata di fronte a loro. Rimasi lì in silenzio e non dissi nulla. Sebastian si era già tolto la maglietta e mi girava lentamente intorno. All’improvviso mi ha dato una forte pacca sul sedere con il palmo della mano. Gemetti piano. «Ti piace, vero?» Amelia sorrise. “Sì”, ho detto semplicemente.

“Sì, cosa?” chiese Sebastian, afferrandomi per il collo. “Si papà. “Sì, mamma”, ho detto, eccitandomi di nuovo davvero. I due risero forte e Amelia disse semplicemente: “Sì, ci piace, piccola stronzetta. Inginocchiati qui sul letto.” Sebastian mi spinse sul letto e mi sporsi in avanti. Faccia sul materasso, culo in aria. Ho sentito qualcosa di freddo sul collo e ho visto Amelia mettermi qualcosa di simile a un collare per cani. “Ora sei nostra.”

Sebastian cominciò a sculacciarmi di nuovo, prima con la mano, poi aiutandosi con la cintura. Mentre era occupato con il mio culo, la mia migliore amica si spogliò davanti a me, allargò le gambe e indicò la sua figa bagnata e lucida senza dire una parola. Ho iniziato a leccare Amelia. All’inizio lento e gentile, ma i colpi sempre più forti sul mio grosso culo mi hanno eccitato così tanto che sono diventata sempre più dura anche verso la sua figa. Anche Sebastian ha iniziato ad accarezzare la mia figa con la lingua mentre Amelia mi premeva più forte nella sua figa usando il collare da cane.

È stato davvero fantastico. All’improvviso si alzò e andò da Sebastian. Mi hanno ordinato di inginocchiarmi sul pavimento e osservarli. Lei gli ha aperto i pantaloni e ho visto il suo enorme cazzo nero, che implorava letteralmente la libertà, saltare fuori dai pantaloni. Era lungo almeno 22 cm ed era ricoperto di vene spesse. Una goccia di piacere brillava già sul morbido glande circonciso, ma Amelia la fece subito sparire con la lingua. Iniziò a succhiare il suo enorme cazzo con tenerezza e sensibilità. Ho raggiunto le mie gambe e ho iniziato a toccarmi la figa bagnata ormai fradicia.

Quando Amelia lo ha visto, mi ha fatto cenno di avvicinarmi con il cazzo in bocca. “Vieni qui, stronza”, gridò Sebastian ad alta voce. Naturalmente ho obbedito di nuovo. “Sì, papà.” Mi sono inginocchiata sul letto di fronte a lui e Amelia mi ha teso il suo cazzo. “Prendilo bene e profondamente in bocca, schiava.” Adesso non c’erano più pompini romantici alla Amelia. Ho provato a lasciare che tutto il cazzo sparisse in gola mentre Amelia ora si sedeva sul pavimento di fronte a noi e si prendeva cura delle palle di Sebastian. Cavolo, deve essere stato uno spettacolo fantastico.

Ho succhiato quel grosso cazzo mentre la mia migliore amica gli succhiava le palle nere. Abbiamo lavorato sul cazzo di Sebastian con attenzione e duramente per circa 10 minuti finché non è stato vicino all’orgasmo. “Si, vengo. Sì, prendilo in profondità nella tua fottuta bocca, voglio venirti in gola!” Amelia mi spinse la testa fino in fondo sul suo cazzo.

Ho quasi dovuto vomitare da quanto era finito in profondità. La mia bava gli scorreva lungo il pene e gocciolava sul pavimento. Mi ha sparato tutta la sua dose in gola, era così tanta che quasi non riuscivo a sopportarla e non riuscivo a tenere il passo con la deglutizione.

“Lecca il resto del pavimento,” disse Sebastian dopo essersi rilassato di nuovo. Quando ho esitato, Amelia mi ha urlato: “Devi leccare il resto dal pavimento, puttana!” Ho fatto come mi è stato detto. Non mi aveva mai parlato così prima, ma la cosa mi eccitò più di quanto avrei mai potuto immaginare. Dopo aver leccato le ultime gocce dello sperma di Sebastian dal pavimento, lui mi ha afferrato per i capelli e mi ha trascinato sul letto. Mi sono seduta sul viso di Amelia e mentre lei si prendeva cura della mia figa con la lingua, Sebastian ha iniziato a baciarmi l’ingresso posteriore.

Ho saltato leggermente ed ero un po’ turbata. Non l’avevo mai avuto nel culo prima. Tuttavia, i baci delicati sul mio ano mi hanno fatto immediatamente dimenticare i miei dubbi e più la leccata diventava dura, più forte gemevo nel cuscino. Un dito scivolò lentamente nel mio buco del culo bagnato, nonostante una leggera contrazione, era semplicemente divino. “Toccami il culo grasso di papà. Dammelo!” gridai, eccitata! “Sto per infilare il mio grosso cazzo nel tuo buco del culo da troia, puttana!” Rispose Sebastian in modo aggressivo. Per me tutta la situazione era come una fantasia diventata realtà.

“Aspetta un attimo!”, disse Amelia e riuscì a liberarsi da sotto le mie cosce sode. Si alzò e andò alla valigia. Dopo un attimo si voltò con un grande sorriso e tenne in mano un dildo rosa. Non era grande come il pene di Sebastian, ma ho stimato che fosse intorno ai 18 cm. Ero ancora occupata ad guardare il dildo con le cinghie di pelle nera quando ho sentito una stretta sulla mia figa. Sebastian mi ha scopato da dietro! Mi sono lamentata forte e ho iniziato a scuotere il culo.

Ho twerkato sull’enorme cazzo nero mentre lui mi picchiava davvero forte da dietro. Mi ha sculacciato forte il culo mentre Amelia si sedeva di fronte a me e mi infilava in bocca il dildo. Sono stato scopato in 2 buchi contemporaneamente. Mi sentivo così impotente, così esposta ma allo stesso tempo così arrapata e più viva che mai in tutta la mia vita.

Ancora e ancora il pollice di Sebastian è scivolato nel mio buco del culo e lo ha toccato con forza mentre il suo cazzo continuava ad allungare le pareti della mia figa. “Quindi, penso che la nostra piccola cavalla del cazzo sia pronta per la vera azione”, ha detto a Amelia con una risata in faccia. “Lo penso anch’io!” rise.

Loro due mi trattavano come una bambola del sesso e mi gettavano nel letto. Adoravo il pensiero di essere così impotente alla mercé di entrambi. Amelia si è sdraiata sotto di me e ha infilato il suo dildo nella mia figa mentre il grosso cazzo di Sebastian stava già bussando alla mia porta sul retro.

Ascolta e godi - Racconti erotici - linea erotica - telefonate erotiche - racconti erotici - Vera linea erotica

Ha leccato brevemente il mio buco del culo aperto e ci ha sputato dentro prima che il suo cazzo mi penetrasse da dietro. Non ho potuto fare a meno di urlare ad alta voce. Dopo qualche istante il dolore si attenuò e si trasformò in puro piacere.

Sono stata penetrata doppiamente mentre venivo sculacciata e soffocata dalla mia migliore amica. Ero una vera puttana del cazzo. Amelia mi ha spinto il pugno in bocca dal basso e ha urlato: “Allora, ti piace, brutta cavalla a tre buche?” Ero così arrapata e ho letteralmente cavalcato i due cazzi dentro di me mentre venivo più volte di seguito. Ho avuto più orgasmi di quanti potessi contare e sembrava che anche Sebastian non fosse troppo lontano dal raggiungere l’orgasmo.

Le sue spinte nel mio buco del culo diventavano sempre più forti e il suo respiro diventava sempre più veloce. “Sììì, sto per farlo, vieni qui, puttana. Inietterò il mio sperma nel tuo sporco, sporco buco del culo. “Sìssssssssssss.” Sentii il mio intestino riempirsi di un liquido caldo mentre il dildo continuava a martellarmi incessantemente la figa. Sebastian ha tirato fuori il cazzo e ha detto: “Hai sporcato tutto, puttana, vieni a leccarlo per pulirlo.”

Mi sono così girata per succhiare quel cazzo muscoloso nero con piacere. Continuava a colpirmi in faccia con il palmo della mano e ad insultarmi, il che mi rendeva così calda. Quando ebbi succhiato abbastanza il ​​suo cazzo era tornato come all’inizio. Mi ha tirato i capelli e mi ha buttato giù dal letto. “Adesso mi scopo la tua ragazza e tu ci guarderai, è chiaro?” “Sì, papà.”

La adagiò con cautela sulla schiena e la penetrò. L’ha scopata nella posizione del missionario mentre io mi avvicinavo e osservavo da vicino. Ho giocato con il mio clitoride alla vista del suo cazzo nero che penetrava nella figa stretta della mia migliore amica. Era uno spettacolo meraviglioso.

All’improvviso Sebastian ha tirato fuori il suo cazzo dalla fica bagnata di Amelia e un getto mi ha colpito in faccia. Istintivamente aprii la bocca. Gran parte della sua pipì colò sul pavimento, ma riuscii anche a trattenerne molta in bocca. Non avrei mai pensato che una cosa del genere mi avrebbe fatto così arrapare.

Quando ebbe finito, sorrise, mi schiaffeggiò e infilò di nuovo il suo cazzo ancora duro come la roccia dentro Amelia. Poco prima del suo orgasmo, mi sono avvicinata di nuovo e mi sono lasciata scopare brevemente la gola prima di svuotargli le palle un’ultima volta. Crollammo tutti e tre sul letto e sussultammo rumorosamente. Amelia mi prese il collare e disse con un sorriso sul volto: “Sei libera per ora. Presto sarai di nuovo nostro schiava.”

Anche io e Sebastian abbiamo sorriso e così ci siamo addormentati insieme mentre un cocktail di piscio e sperma mi scorreva lungo le cosce. Presto sarò di nuovo la loro schiava.


Con le nostre telefonate erotiche potrai soddisfare ogni tuo desiderio, cosa aspetti? Chiama la linea erotica!

Ascolta e godi - Racconti erotici - linea erotica - telefonate erotiche - racconti erotici

Sostieni come noi il wwf per aiutare le specie in via di estinzione